torrone dei morti

Torrone dei morti: storie e sapori di una dolce tradizione!

L’ottimismo è il profumo della vita, o almeno così recita il celeberrimo spot televisivo. Ma se vi dicessi che è in realtà anche un gustosissimo sapore? Ebbene si! Perché se a Napoli la positività è un vero e proprio mood da percepire anche nell’aria, l’ottimismo ne è davvero il più inebriante gusto; una vera e propria way of life in grado di emergere anche nelle occasioni più difficili, un deus ex machina in grado di risollevare anche nelle più tristi ricorrenze: proprio come dimostra il torrone dei morti!

Torrone dei morti: una vera tradizione

Non è un caso infatti che dal 2 novembre, triste giorno dedicato al commemorazione dei defunti, la bella Partenope sia riuscita a tirar fuori anche una dolcissima emozione: proprio quella del “Torrone dei morti”. Una vera e propria tradizione che, allietando i palati con i più saporiti gusti e coccolando il cuore, riesce pure ad ammaliarne i più esigenti occhi. La bellezza di questi dolci è infatti nota; forme imponenti, colori accattivanti! Proprio come i celebri i colori delle bancarelle che, per l’occasione, sanno arricchire e abbellire la città.

Un dolcissimo momento

Un momento delicato dunque, di dolcezza e paradossalmente anche di gioia quello costellato dal torrone. I bambini di un tempo erano infatti soliti portarlo in dono ai morti! un dolce offerto nella speranza di far tornare, anche se per poco, i propri cari in visita e che non a caso si chiamava anche ‘O Murticciell’, proprio per la sua caratteristica forma a cassetta che quasi ricordava una bara.

Torrone dei morti: un dolce davvero particolare

Un torrone da non confondere con quello classico dunque, il blocchetto di miele e mandorle per intenderci; bensì quello morbido, cremoso, spesso ripieno di nocciole intere e ricoperto da un denso guscio di cioccolato. Quello da gustare, magari dopo pranzo, con i propri ospiti nella tipica giornata del 2 novembre e da provare, doverosamente, in tutte le sue gustosissime e innovative varianti.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.